Torna indietro

Chiaretto 2018: una bella base per lanciare il futuro

https://www.winesurf.it/chiaretto-2018-una-bella-base-per-lanciare-il-futuro/

Iniziando con una battuta penso che, vista l’importanza sempre maggiore del Chiaretto tra poco la DOC Bardolino verrà chiamata “Chiaretto Più Scuro DOC”.

Scherzi a parte sono incredibili i passi avanti verso una tipologia più omogenea e qualitativamente di alto livello fatti dal Chiaretto, che nemmeno 5-6 anni fa era un vino senza grande identità e con un mercato incerto. Oggi, anche prendendo spunto dalle nostre degustazioni, è una denominazione con precise caratteristiche e soprattutto con una qualità media di ottimo livello. Il grande lavoro fatto dal Consorzio (al cui interno Angelo Peretti ha trovato campo fertile per le sue idee) sta portando a risultati importanti e commercialmente rilevanti.

Di rilevante nella nostra degustazione ci sono state molte cose: la prima è “l’omogeneità cromatica” dei Chiaretto degustati: negli anni scorsi non avevamo mai trovato tonalità così simili, con pochissimi campioni che escono dal range del “buccia di cipolla scarico ma brillante”. In altre parole i Chiaretto, che qualche anno fa avevano colorazioni che andavano dal rosa brillante al cipolla scarico, hanno vestito un abito simile con pochissime eccezioni. Questo può essere importante per connotare la tipologia ma non è certamente una caratteristica qualitativa, che invece troviamo, e ben centrata, nei profumi.

I 2018 sono sicuramente ben espressi sin da ora, con gamme che prediligono la frutta di bosco ma che virano anche verso sentori floreali e in qualche caso leggermente vegetali. Pochi nasi erano chiusi o ancora inespressi e questo è sicuramente un bel pregio per un vino che deve esprimere nell’immediata piacevolezza una delle caratteristiche principali. Ma è al palato che i 2018 ci hanno sorpreso, grazie ad una sapidità che sembra essere diventata l’arma principale di questo vino. Certo non possiamo aspettarci corpi “giunonici” ma spesso in passato trovavamo diversi vini dove l’acidità giocava un ruolo troppo determinante, portando a connotazioni amare, quest’anno invece pochissimi campioni hanno mostrato sentori amari, mentre molti si sono fatti apprezzare per una sapidità attiva e stuzzicante, che alla fine rendeva equilibrato il vino.

Insomma un buon risultato complessivo, non sappiamo se figlio di una vendemmia adatta a questa tipologia oppure di un miglioramento in vigna e in cantina che si sta attuando nel tempo. L’unico fattore negativo lo vediamo appunto nel futuro di questa tipologia, che continuando con vinificazioni che potremmo definire “in sottrazione”, rischia di portare a rosati esili e scarni, dove una bella sapidità predicherebbe in un campo svuotato di altri componenti. Forse è questo quello che vuole il mercato e il grande successo dei rosati provenzali lo sta a testimoniare, però sarebbe bene che sin da subito il Chiaretto si stabilizzasse in un range dove comunque una discreta pienezza facesse da contraltare alla bella vena sapida raggiunta. Insomma, I Chiaretto 2018 sono vini da bersi e da godersi, qualcuno (non molti, diciamo 2-3) anche da conservare per qualche anno.

 

GUIDA VINI 2019-2020: BARDOLINO CHIARETTO 2018

https://www.winesurf.it/it/guidavini/degustazioni/1028/guida-vini-2019-2020-bardolino-chiaretto-2018-07-07-2019/

BARDOLINO CHIARETTO DOC 2018 ALBINO PIONA "TOP"

Occhio  ★★★★★ 4  ROSATO BUCCIA DI CIPOLLA

Naso  ★★★★★ 3.5  FRUTTATO INTENSO, CILIEGIA, FRAGOLA, LIEVITI, ZAFFERANO

Bocca ★★★★★ 3  MEDIO CORPO, ABBASTANZA PERSISTENTE, ELEGANTE, FRESCO, SAPIDO

Piacevolezza  ★★★★★  3

Un Chiaretto non solo piacevole! Bella complessità al naso e armonica persistenza al palato. Una bottiglia che può maturare per qualche anno. Vino adatto sia ad essere gustato adesso che a un moderato invecchiamento.

 

 

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più