Torna indietro

VINI DA SCOPRIRE - GIUNTI EDITORE

Vini da scoprire – la riscossa dei vini leggeri

Testi di Armando Castagno – Gianpaolo Gravina – Fabio Rizzari

Disegni: Simona Oliva

Giunti Editore

Nel cinema, il nome Lino non si associa a delle figure efebiche: Lino Ventura o Lino Banfi evocano piuttosto dei robusti mangiatori di quarti di bue appena scottati sulla griglia. Nel vino, invece, il suffisso –lino rimanda a silhouette decisamente più slanciate: Grignolino, Cannellino, Bardolino.

Ecco, appunto, Bardolino: una tipologia veneta che si sta prendendo una bella rivincita dai tempi in cui veniva considerato con sufficienza come un prodotto vuoto e banale.

Era l’epoca dell’adorazione dei rossi corpulenti qualunque fosse il vitigno generatore, ottenuto o da uve iperconcentrate in vigna (nei casi migliori: con rese di due grappoli l’ettaro), o con tecniche di estrazione senza mezze misure in cantina: salassi dei mosti, rotomacerazione a velocità Mach3, osmosi inversa. Ora quel mondo non esiste più, quei pachidermi si sono pressoché estinti. E non è servito un meteorite dello spazio, è bastato che chi beve vino si rendesse conto dell’oggettiva difficoltà di abbinare una carrè di agnello con un blocco di ghisa del 2011. La Famiglia Piona fa vino dalla fine del XIX secolo. Non costituisce quindi una novità per l’appassionato mediamente informato. E non è neppure una piccola tenuta marginale: produce quasi mezzo milione di bottiglie e conta su un’ottantina di ettari nelle campagne di Prabiano, presso Villafranca di Verona. Ciò nonostante ne segnaliamo con convinzione il sapido scattante Bardolino, perché possiede tutte

le credenziali richieste in questo volume. Da un taglio – indicativo – di Corvina al 60-80%, di Rondinella e Molinara per la parte restante, viene da vigne di media collina, a un’altitudine di circa 200 metri sul livello del mare. La vinificazione segue protocolli consolidati, con tanto di Dèlestage ( svuotamento della parte non solida del mosto della vasca di fermentazione, con conseguente calo delle vinacce sul fondo, e successiva ri-immerssione  del liquido, al fine di favorire un’estrazione migliore); ciò che per fortuna non ne irrobustisce troppo l’impianto estrattivo complessivo. Ne risulta infatti un vino di aspetto invitante e tutto meno che intimidatorio, profumatissimo (fragola, lamponi, mandarino) di sapore fruttato e salino insieme, dinamico e anzi quasi ipercinetico.

ABBINAMENTO: maccheroni con la buzzonaglia di tonno.

maccheroni alla buzzonaglia di tonno - Ingredienti per 4 persone:

1 Vasetto di buzzonaglia di tonno  - 320 gr. di  maccheroni - 2 spicchi d’aglio - 1/4 di cipolla -2 peperoncini - 1 pomodoro fresco - 1/2 bicchiere di vino bianco - olio extravergine d’oliva

Preparazione:

Mentre la pasta è in cottura, fare soffriggere in una padella con olio extravergine d’oliva la cipolla e l’aglio tritati ed i peperoncini privati dei semi.
Prima che l’aglio imbiondisca, aggiungere il vino e fare evaporare. Spellare, privare dei semi e tagliare a dadini il pomodoro, quindi aggiungerlo nel tegame insieme alla Buzzonaglia (con un pò del suo olio di conserva) e farlo scottare per un paio di minuti. Scolare la pasta leggermente al dente, saltarla nella padella per un paio di minuti e servirla.

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più