Torna indietro

SLOW WINE 2018 - Guida

Slow wine – guida 2018 – Slow Wine Editore

Vita – “il terroir per me non esiste, esiste l’interpretazione del territorio” di questo è convito Silvio Piona, che, assieme ai fratelli Massimo, Monica e Alessandro conduce l’azienda di famiglia che il padre Albino ha ereditato dal nonno. E i vini di Piona sanno trasmettere il territorio con linearità e grande correttezza stilistica. La bella cantina, rimodernata qualche anno fa è circondata da vigneti, accoglie spesso mostre di artisti locali.

Vigne – nei 77 ettari di proprietà, dislocati tra i comuni di Valeggio S/M, Sona e Sommacampagna si trova una grande varietà di terreni, tutti di derivazione morenica, che variano nell’impasto e nella percentuale di argilla presente. I vigneti, inerbiti, sono gestiti in modo da limitare le rese. I filari sono predisposti per la meccanizzazione, nell’intento di far passare meno tempo possibile tra la raccolta e la diraspatura.

Vini:

affascinanti note di pesca e albicocca, unite a un tocco aromatico arbaceo, catturano l’olfatto nel "Custoza Vino Quotidiano - moneta "che in bocca si conferma succoso e sapido.

Il Bardolino offre sentori di fragoline di bosco e un’intrigante speziatura di pepe bianco, mentre il sorso è teso e fresco, dotato di tannini piacevoli e lievemente amaricanti.

Più complesso il Bardolino SP 2013, dai profumi di rosa, ciliegia e fragola matura che si fondono in un sorso vellutato.

Elegantissimo il Campo Massimo Corvina 2013, con fini profumi di violetta, China e sottobosco, e un palato disteso con un piacevole finale ammandorlato.

Sempre molto appaga mete il Verde Piona, rifermentato in bottiglia  e dalla beva sapida e rinfrescante.

 

,

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più